Atos lancia in Italia la prima gamma al mondo di SuperComputer Exascale Bull sequana™

Previous press release

Atos lancia in Italia la prima gamma al mondo di SuperComputer Exascale Bull sequana™

  • Dopo il lancio della nuova service line “Big Data & Security”, l’arrivo in Italia di Bull sequana™ conferma l’impegno strategico assunto dal Gruppo di sviluppare, attraverso il marchio Bull, sistemi innovativi che offrano performance di elaborazione superiori, pensate per grandi volumi di dati: esattamente ciò che serve per affrontare le sfide del 21° secolo.
  • Progettato in collaborazione con i clienti più importanti, questo nuovo supercomputer di classe exascale permette di gestire simulazioni computerizzate di altissimo livello e tutte le criticità legate a grandi volumi di dati.
  • Bull sequana™ integra le tecnologie più innovative per assicurare massime performance e costi operativi ridotti.

Milano, Gennaio 2016

Atos, attraverso il marchio specializzato nei prodotti e software IT Bull, ha lanciato in Italia Bull sequana™ X1000, la nuova gamma di supercomputer di classe exascale, ultima frontiera di una generazione di elaboratori capaci di offrire performance cento volte superiori rispetto agli attuali sistemi di classe petaflop. Bull sequana™ arriva sulla scia della recente apertura della service line “BDS” di Atos, che ha integrato e concretizzato la forte competenza del Gruppo anche in ambito sicurezza e gestione di grandi volumi di dati.

 

Le elevate capacità di elaborazione che caratterizzano Bull sequana™, formata da centinaia di processori Intel, si rivelano necessarie per migliorare la qualità e la velocità delle simulazioni digitali che caratterizzano molti settori sia della ricerca che industriali, per rimanere al passo e affrontare le sfide socio-economiche del 21° secolo. Tra le diverse funzionalità per cui può essere configurato, Bull sequana™ è adottato per migliorare l’accuratezza delle previsioni metereologiche, per realizzare propulsori aerei più ecosostenibili, per utilizzare la genomica nello sviluppo di una medicina personalizzata. Impostata su dettagliate specifiche “su misura” per il cliente, la macchina è collocata nei datacenter che ne consentono il necessario raffreddamento ad acqua.

 

“La simulazione computerizzata rappresenta uno strumento essenziale per accompagnare i nostri clienti nel loro percorso verso il digitale. In questa nostra era data-centrica, le grandi infrastrutture di elaborazione dati sono una leva fondamentale per lo sviluppo e la creazione di valore. Atos è orgogliosa di offrire ai propri clienti un supercomputer che permetta loro di reinventare il proprio modello di business”, ha affermato Thierry Breton, Chairman e CEO di Atos.

 

“In partnership con CEA e con altri clienti strategici, i team di Bull sviluppano da anni soluzioni innovative, leader del loro mercato sia in termini di performance di elaborazione - per la gestione di grandi volumi di dati - e sia in termini di risparmio energetico. In qualità di leader nel settore dei supercomputer di classe exascale, Bull mette la propria professionalità e lo know-how al servizio dei propri clienti, per supportarli nella ricerca e sviluppo e per aumentare la loro competitività” spiega Philippe Vannier, Big Data & Business Development Manager di Atos.
 

Bull sequana™ rappresenta una soluzione assolutamente innovativa, che risponde alle sfide tecnologiche legate ai supercomputer di classe exascale:

 

  • E’ aperta a futuri avanzamenti
    Integra le più avanzate tecnologie in termini di processore, connessione e archiviazione dati, cosa che rende possibile l’attribuzione della classe exascale. Aperto e progettato per essere compatibile con i principali standard del settore per quanto riguarda sia l’hardware che il software, il supercomputer Bull sequana offre ai clienti un’ampia gamma di soluzioni tecnologiche pensate per massimizzare il loro investimento.

 

  • Riduce il consumo di energia
    Un sistema di classe exascale di ultima generazione consuma circa 400 megawatt, che equivale al consumo elettrico annuale di 60.000 abitazioni. Bull sequana consuma un decimo dell’energia elettrica se paragonato ai supercomputer della generazione precedente. L’obiettivo di Bull è raggiungere un consumo medio di 20 megawatt per ciascun exascale entro il 2020, grazie all’impiego della tecnologia e ai suoi centri di ricerca e sviluppo.

 

  • Gestisce un enorme volume di dati
    Organizzazione, localizzazione, archiviazione e accesso ai dati, tutti in crescita esponenziale, rappresentano fattori cruciali da cui dipende la performance del sistema. Bull fornisce un’architettura hardware e software progettata per la gestione avanzata dei dati, basata sulle ricerche condotte dall’azienda nella gestione dei distributed systems e nell’accesso ai dati.

 

  • Accelera le performance di application
    Le performance di application dei sistemi exascale richiedono operazioni parallele ad alto livello. Bull sequana integra la rete Bull Exascale Interconnect (BXI), sviluppata da Bull. Creata per gli exascale, BXI rivoluziona la gestione degli scambi di dati liberando i processori di tutti i task legati alle comunicazioni. Inoltre, l’ambiente software di Bull sequana garantisce una gestione precisa di grandi quantità di informazioni e fornisce un ottimo livello di efficienza produttiva.

 

  • È una piattaforma resistente nel tempo
    Un supercomputer di classe exaflops include decine di migliaia di componenti. Un sistema di questo tipo deve necessariamente essere in grado di resistere alla prova del tempo. L’architettura e la configurazione di Bull sequana sono state progettate con questo preciso obiettivo, prevedendo la ridondanza di componenti critici, una suite software efficiente e strumenti di gestione dedicati.

 

  • Fornisce ai clienti uno know-how unico
    Dalla progettazione alla prova sul campo, i supercomputer Bull sequana integrano tecnologie all’avanguardia. Sono la Formula 1 dell’information technology perché offrono performance di altissimo livello unite al massimo della qualità, della robustezza e della flessibilità.

Bull sequana™ è il risultato di partnerships tecnologiche e di diverse collaborazioni sviluppatesi all’interno della galassia HPC Europa. Disponibile dal terzo trimestre 2016, rappresenta un passo avanti fondamentale nel percorso verso l’utilizzo degli elaboratori di classe exascale.  

 

“Il nuovo sistema Bull sequana™, equipaggiato con i futuri processori Intel® Xeon® e con il processore Intel® Xeon Phi™, nome in codice "Knights Landing", è progettato per offrire tutte le performance, l’affidabilità e l’efficienza energetica di un supercomputer di classe exascale” ha commentato Raj Hazra, Vice President e General Manager, Enterprise e HPC Platforms Group, Intel Corporation. Siamo ansiosi di iniziare questa collaborazione con Bull per consegnare al mercato questa nuova generazione di super-elaboratori lungo il percorso di transizione verso l’exascale”.

 

Geleznikoff François, Director di CEA military applications, ha commentato: "CEA è orgogliosa di adottare quest’anno il primo prototipo di supercomputer exascale che sarà disponibile nel 2020. Si tratta della terza generazione di supercomputer fornito da Bull, strutture che ci permettono di ottenere grande velocità e affidabilità sia nelle simulazioni fisiche e sia con i nostri avanzatissimi sistemi di calcolo.

 

"GENCI dà il benvenuto al supercomputer Bull sequana di classe exascale che darà ai ricercatori la possibilità di affrontare le grandi sfide del 21° secolo in aree cruciali per le società quali per esempio la salute, l’ambiente e le energie rinnovabili. Per preparare le comunità scientifiche francesi a questa futura generazione di computer, GENCI ha creato una collaborazione con Bull e Intel per valutare il potenziale di queste tecnologie nonché il loro valore strategico in vista delle diverse applicazioni scientifiche nei principali ambiti di ricerca”, ha affermato Catherine Rivière, CEO di GENCI.

 

"La scienza non ha mai fine. La complessità delle domande che si pongono i ricercatori che rappresentano oggi l’avanguardia della sfida scientifica richiedono simulazioni computerizzate che spaziano dal subatomico all’intergalattico, dal Big Bang fino alla fine dei tempi. Con Sequana, Bull sta ridefinendo i confini dell’elaborazione computerizzata, non solo aggiungendo tre zeri al benchmark ma fornendo uno strumento adatto a sviluppare le idee delle più grandi menti del nostro tempo, per garantirci una migliore comprensione dell’universo e di tutto ciò che ci circonda ha aggiunto Addison Snell di Intersect360 Research.

 

L’High Performance Computing sta cambiando il mondo e il nuovo sistema Bull sequana™ ha tutte le caratteristiche, di innovazione e tecnologia, necessarie a vincere le grandi sfide di oggi e di domani. In Atos Italia siamo fieri di poter portare ai nostri clienti una soluzione avanzata e altamente performante, in grado di soddisfare le più esigenti richieste del mercato , ha commentato Giorgio Ancona, Head of Big Data & Security di Atos Italia.

 

About Atos
 

Atos è leader nei servizi digitali con un fatturato annuo pro forma di circa 12 miliardi di euro e 100.000 dipendenti in 72 Paesi. Fornisce servizi di Consulting & System Integration, Managed Services & BPO, Cloud Operations, Big Data & Security Solutions, Transactional Services. Lavora con clienti globali nelle diverse aree di business, quali: Difesa, Finanza, Sanità, Media, Manifacturing e Retail, Utilities, Settore Pubblico, Telecomunicazioni, Trasporti.

Il Gruppo opera nel mondo con i brand: Atos, Atos Consulting, Atos Worldgrid, Bull, Canopy, Unify e Worldline.

Atos è il Worldwide Information Technology Partner dei Giochi Olimpici e Paraolimpici ed è quotata all’Euronext Paris.

 

Contatti
 

Laura Schipani

Laura.schipani@atos.net

02 454063.362

Next press release

Contattaci

Laura Schipani
Marketing & Communication Manager
trans-1-px

Global Press Releases

Clicca qui.

 

Local Press Releases

Clicca qui.

Il nostro sito utilizza i cookie. Continuando a navigare su questo sito, l'utente acconsente all’uso dei cookie per misurare e capire come le nostre pagine web sono visualizzate
e per migliorare il funzionamento del nostro sito. Se non si è d'accordo, è possibile disabilitare i cookie nel proprio browser web, come spiegato nella nostra Privacy Policy.
Accetto i cookies Elimina i Cookie